THERE HAS POSSIBLY BEEN AN INCIDENT

di Chris Thorpe

9 - 10 dicembre

THERE HAS POSSIBLY BEEN AN INCIDENT

di Chris Thorpe

traduzione di Jacopo Gassmann

con Francesco Bonomo, Enrico Roccaforte e Cinzia Spanò

mise en espace a cura di Jacopo Gassmann

produzione Associazione CART

 

Quando la vita ci pone di fronte a una scelta fra eroismo e compromesso, cosa succede?

A volte gli aerei non atterrano come dovrebbero. Il popolo di una nazione ne ha abbastanza dei propri tiranni, ma i tiranni devono essere rimpiazzati con qualcos'altro. Cosa? Una persona si fa largo tra la folla e, per un istante, senza che sia lei a sceglierlo, si trasforma in un simbolo. Un uomo entra in un palazzo e porta con sé la morte. Chi lo fermerà?

There has possibly been an incident è una pièce composta da tre monologhi, flussi di coscienza densi di immagini, intervallati da un dialogo e un coro finale. Ogni vicenda prende spunto da eventi storici più o meno recenti, eventi che l'autore rielabora a modo suo e che restituisce attraverso il racconto intimo, analitico, dei personaggi. Tramite le loro voci, Thorpe esamina i processi cognitivi che precedono una scelta. Quanto pesa il caso in ogni decisione che compiono (ammesso che la compiano, senza limitarsi a subirla) ? È una lente d'ingrandimento quella che Thorpe posa sulle sue frasi, una lente che riesce a deformare il tempo, a rallentarlo. C’è spazio sufficiente per far emergere ciò che si agita fra pensiero e azione, sentimento, dubbio, accidente.

Nel primo monologo, una persona di cui non sappiamo, un testimone oculare, descrive il ragazzo che ha davanti. Indossa una camicia bianca e pantaloni neri, ha in mano una busta della spesa. C'è il sentore che qualcosa stia per succedere, ma che lui non sappia cosa sarà, fino a che non si ferma di fronte alla colonna di carri armati, in una piazza Tienanmen gremita di gente.

Nel secondo, una rivoluzione che tanto ricorda alcune recenti primavere arabe o, più lontano nel tempo, un regime dell'Est Europa, porta alla deposizione dei due vecchi sovrani. Chi ha guidato la rivolta si trova adesso - quasi per caso - a rispondere alla folla che acclama. Come gestire l' improvviso vuoto di potere?

Nel terzo, una donna sorvola una grande città. È in aereo, sospesa fra il sonno e qualcosa che non è proprio uno stato di veglia ma uno stato in cui riesce ancora a pensare. Si è lasciata tutto alle spalle e sta per arrivare lì, da lui, in una città che spera la accolga. Si chiede il perché di quei rumori.

Nei dialoghi che si innestano fra i tre racconti, c’è una figurata ispirata ad Anders Breivik, l'uomo che il 22 luglio del 2011 uccise 69 giovani sull'isola di Utoya. Le sue idee sono idee estreme, come estremi sono i suoi gesti, eppure figli di un progetto preciso.

Le voci che chiudono ci consegnano a un’ultima scelta morale.

Prezzi:

Posto Unico € 10,00

Orari:

ore 21,00


Piazza di Sant'Apollonia, 11 00153 Roma.

Sott'occhio

TREND
nuove frontiere della scena britannica
XVI edizione
rassegna a cura di Rodolfo di Giammarco



More
Prenotazione

Altre notizie

TREND
nuove frontiere della scena britannica
XVI edizione
rassegna a cura di Rodolfo di Giammarco



More
Prenotazione

info utili

Direzione Generale

Antonio Salines

Organizzazione generale

Carlo Emilio Lerici

Ufficio Stampa

segreteria scuola

biglietteria e informazioni scuola

Iscriviti alla
NewsLetter

sconti e promozioni speciali per Voi!

Con il presente invio autorizzate l'utilizzo dei vostri dati sensibili