FURNITURE
di Sonya Kelly

dal 19 al 23 novembre

FURNITURE
di Sonya Kelly

traduzione Natalia di Giammarco

con Cecilia Di Giuli, Valeria Flore

Edoardo Purgatori, Nicola Civinini e

Maurizio Mario Pepe

casting director Federica Baglioni

sound design Lorenzo Benassi

assistente alla regia Armando Quaranta

regia Maurizio Mario Pepe

messa in scena compagnia “La Forma dell’Acqua” / produzione Khora Teatro

 

Scritto da Sonya Kelly (The Wheelchair on my Face, How to Keep an Alien), Furniture esplora la percezione e il possesso delle cose, raccontando la vita di sei persone ed esaminando come tutto ciò che possediamo modelli non solo la nostra visione del mondo ma persino noi stessi. L'ironia e l'intuizione della commedia di Kelly sono ben bilanciate, attraverso tre atti unici collegati per tematica, in cui i protagonisti si relazionano più facilmente alle cose che non tra loro. Il primo atto si svolge in una importante mostra di modernariato; mobili che hanno superato il loro umile scopo “utilitaristico" e si sono trasformati in "opere d'arte senza tempo". La tensione divampa tra un marito superficiale, Ed, e una moglie sensibile, Alex. Lui è un'artista in difficoltà  che trema al pensiero che la moglie possa confondere le opere d’arte in esposizione con semplici oggetti di uso quotidiano e finisca per sedersi su ciò che lei crede essere una sedia per il galà ma che è invece un’opera d’arte, con conseguente innesco dell’allarme davanti tutta la raffinata platea di intenditori. Il secondo atto, è un percorso tra passione, consumismo e illusione. Tale è la chimica tra i due personaggi femminili, Steff e Dee, che si sono conosciute su una app di incontri, e che bruciano di passione l’una per l’altra. Ma l’ardore sarà ben presto spento dalla presenza orribile di una poltrona vecchio stile, inaccettabile per i gusti minimalisti e puntuti di Steff. Il terzo quadro vede George, un omosessuale anziano, nei suoi ultimi giorni di vita, organizzare il suo testamento. Vorrebbe lasciare a Michael la sua vecchia chaise longue che apparteneva a Danny La Rue. Dice: “Barbra Streisand vi si sedeva sopra. Rudolph Nureyev ci si è seduto sopra ... Judy Garland ci è svenuta”.

Nel discutere con Michael dell'importanza della chaise lounge, George parla a se stesso, considera la sua esistenza come una battaglia vinta duramente. "L'arredamento non è sentimentale", riflette, "Puoi amarlo, ma non si ricorderà di chi sei”.

Prezzi:

Interi 13 € 

Ridotti 5 €

Orari:

tutte le sere h.21.00


Piazza di Sant'Apollonia, 11 00153 Roma.

Sott'occhio

dal 18 al 23 febbraio 2020

MEGLIO STASERA (CHE DOMANI)



More
Prenotazione

Altre notizie

info utili

Direzione Generale

Antonio Salines

Organizzazione generale

Carlo Emilio Lerici

Ufficio Stampa

segreteria scuola

biglietteria e informazioni scuola

Iscriviti alla
NewsLetter

sconti e promozioni speciali per Voi!

Con il presente invio autorizzate l'utilizzo dei vostri dati sensibili