AMAZONIANI!

29 e 30 settembre 2021

AMAZONIANI!

real drama di Marco Veruggio

con Fabrizio Apolloni, Tiziana Bagatella, Ciro Borrelli, Daniela Giordano, Riccardo Graziosi, Valentina Martino Ghiglia, Lena Sebasti

musiche Dario Arcidiacono

regia Daniela Giordano

 

Un altro modo di raccontare il lavoro.
Uno spettacolo “scritto” assemblando pezzi di realtà tratti dalla stampa e dai social e testimonianze dirette sul mondo dei lavoratori Amazon, coi loro sogni, la loro vita concreta e le loro contraddizioni. Quattro capitoli che si snodano per una durata di circa un’ora di spettacolo e raccontano i problemi quotidiani dei lavoratori fuori sede (casa e trasporti), il lavoro dentro il magazzino, le aspettative di ottenere un posto di lavoro a tempo indeterminato e, accanto a quella dei dipendenti impegnati dentro i magazzini, la dura vita dei driver che portano i pacchi contenenti i nostri acquisti nelle nostre case. Un tentativo di elaborare un teatro attento agli aspetti sociali della cronaca, al legame tra economia, società e territorio e al protagonismo della gente comune, le cui voci abbiamo cercato di riprodurre in una dimensione di verità in cui sono gli stessi protagonisti della vita sociale a parlare e il “filtro” autoriale è ridotto al minimo. Sette attori sul palco impersonano alcune decine di “amazoniani” che dialogano tra di loro sui diversi temi in una successione ininterrotta e a ritmo incalzante, come in una vera e propria “chat”. Uno spettacolo reso più attuale dal fatto che sullo sfondo compare il tema della pandemia e dell’impatto che essa ha esercitato sulla possibilità di spostamento e quindi sulla stessa vita quotidiana anche di questi lavoratori. È possibile raccontare il lavoro e più in generale la realtà in modo nuovo, attraverso una metodologia che combini l’evocatività e le suggestioni della “fiction” con l’oggettività della cronaca e, facendo un passo in più, dell’inchiesta sociale? E questo metodo può prefigurare un nuovo ruolo del teatro come strumento di indagine analitica della società contemporanea in febbrile evoluzione, trovando in questa metodologia anche un mezzo per rilanciare un’arte in crisi di pubblico e in quest’anno e mezzo anche penalizzata dalla pandemia? Possiamo operare questa scelta anche attraverso la ricerca di un linguaggio innovativo, che attinge anche dalla morfologia e dalla semantica dei media e dei social network e che tratta temi seri con la leggerezza dell’ironia? Sono queste le motivazioni che ci hanno spinto a creare questo spettacolo sperimentale e che ci fanno desiderare di rappresentarlo in una fase così delicata a densa di interrogativi e di incognite nella vita del nostro paese .

Prezzi:

intero 10 EURO - ridotto 5 EURO

Orari:

21.00


Piazza di Sant'Apollonia, 11 00153 Roma.

Sott'occhio

Altre notizie

info utili

Direzione Generale

Antonio Salines

Organizzazione generale

Carlo Emilio Lerici

Ufficio Stampa

segreteria scuola

biglietteria e informazioni scuola

Iscriviti alla
NewsLetter

sconti e promozioni speciali per Voi!

Con il presente invio autorizzate l'utilizzo dei vostri dati sensibili